Quel motivo maledetto che fa…

Oggi camminavo serena sulla banchina della metro con lo sguardo fisso alla punta degli stivali. Ipod a tutto volume.

E boom: una grassona (da ex-grassa posso permettermi di usare qualsiasi epiteto…) mi prende di lato, che quasi quasi finisco sui binari.

Appena due minuti per riprendermi e allora mi è balenato un dubbio.

Non stavo sentendo la stessa canzone quest’estate quando un sasso mi ha spaccato il parabrezza?

Ma andiamo con ordine. Quest’estate approfittando dell’auto nuova, ho deciso di abbandonare i  consueti mezzi di trasporto italiani semi fatiscenti (bus, treno) per iniziare un’avventura on the road.

Fatti i primi 100 chilometri, sorpassando un camion il parabrezza viene colpito da un sasso.

Non faccio neppure in tempo a dire che “Tanto questi vetri nuovi sono doppi, quindi si può continuare a viaggiare” che la spaccatura comincia a estendersi in una lunga riga.

Allora chiamo Carglass e dopo aver discusso abbondantemente sulla geografia italiana (non tutti ho scoperto hanno lo stesso concetto di “capoluogo di provincia”) mi dicono: “Le faremo sapere” come per un colloquio di lavoro. E allora visto che ormai questa frase mi puzza, ho preso e sono andata ad una concessionaria dove mi hanno rassicurata che potevamo proseguire.

Dopo 3 ore (e altri 250 km percorsi) mi chiama uno della Carglass e mi chiede di tornare indietro dicendo che altrimenti potrei morire perchè l’aria condizionata potrebbe fare esplodere il vetro.

Mmmmmhhh. Che fortuna. Ma al momento proseguo.

Ma dopo tutta quell’avventura un pò per coincidenza un  pò per scaramanzia non l’avevo più sentita:

Partiamo dall’assunto che io normalmente non credo alla sfiga ma stavolta comincio ad avere qualche dubbio.

Quanto meno eviterò di sentirla nel raggio di 1 km da un mezzo pubblico. Almeno di un bus doppio o di un treno. Non si sa mai.

Annunci

7 risposte a “Quel motivo maledetto che fa…

  1. icoloridellarcobaleno

    Diciamo che tendenzialmente anche io non credo a queste cose, ma poiché quando succedono “strane coincidenze” mi sembra strano che le cose siano del tutto casuali…se posso evito di farle succedere!! 🙂

  2. >mi chiama uno della Carglass e mi chiede di tornare indietro dicendo che altrimenti potrei morire perchè l’aria condizionata potrebbe fare esplodere il vetro.

    Bellissimo, sembra una svolta da film americano, con una bomba in auto che esplode se si decelera, e ai protagonisti lo dicono solo dopo esser partiti.

  3. @icolori dell’arcobaleno:quasi quasi cancello la canzone dall’ipod
    @barabba: anch’io avevo pensato a Speed. ma mai che ci sia Keanu Reeve 😉

  4. come si dice: non è vero ma ci credo! 😀

  5. no…non è vero…ma non riesco a non crederci .-)

  6. devo dire che mi sono divertito parecchio leggendo i tuoi post, hai un sottile e intelligente senso di umorismo.
    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...