Quando al fine d’un giorno noioso, la gaiezza risorge nel cuor

Ormai a Roma è diventata una nuova tradizione. Verso le 18.30-19.00 le strade si svuotano e i locali si riempiono di folle di una nuova tipologia umana: i maniaci dell’aperitivo, cioè coloro che non sopravvivono senza almeno uno spritz, un crodino o un prosecco accompagnati da qualche stucchino.

Tra di loro vi sono anche i professionisti: coloro che girano i vari locali per confrontare fauna&flora, cocktail, prezzi e sopratutto buffet.

Sì perchè a Roma si è diffuso il meccanismo del buffet libero previa consumazione. Si assiste quindi spesso a scene imbarazzanti di ragazzi che impilano su mini-piatti (previsti per qualche stuzzichino) decine pezzi di pizza, o che costruiscono con la dovizia di provetti architetti cupole di pasta. Per non parlare delle persone che si servono 4/5 volte .

E’ insomma per molti un nuovo modo di fare una cena leggera a poco prezzo.

Devo ammettere che non disdegno l’aperitivo: stando sempre a dieta, mi sembra un ottimo diversivo.

E in più nella mia città ho scoperto qualche posto niente male:

– il Momart: buona la pizza e i cocktail

-il Mokarabia: con un buffet ricco e vario

-il Numbs: tante verdure e buona pasta (attenti alla pizza: è di gomma!)

Freni e Frizioni: c’è sempre un casino di gente ma è supereconomico e divertente

-la Casa del Jazz (solo di domenica): c’è bella gente

Se invece sono in vena di incontrare fighetti (e non sono armata) restano sempre:

-il Red: dove però ti danno solo un piatto (e la consumazione costa 10 euri)

-il Salotto 42

I must rimangono

Vanni: dove puoi sempre vedere qualche bacucco della RAI che ci prova con la velina di turno

Palombini all’Eur: che fa dei tramezzini fantastici

Che dire? Non resta che mettersi i paracolpi e avventurarsi armati oops volevo dire muniti di forchetta verso il buffet. All’arrembaggio.

Annunci

6 risposte a “Quando al fine d’un giorno noioso, la gaiezza risorge nel cuor

  1. ci sarebbe anche Pompi dalle parti di re di roma, che in pieno pomeriggio ha il dj e la vocalist che annuncia la macchina da spostare

  2. si si
    ma da pompi io preferisco il tiramisù…

  3. C’era una pubblicità che recitava così:
    “Sans souci, c’est plus facile”
    Ovvero, senza preoccupazioni è più facile.
    La moda dell’aperitivo è partita già da qualche anno e non solo a Roma. La gente non cucina di più perchè non ha tempo nè di cucinare tanto meno di andare a fare la spesa.
    Quindi si buttano tutti sull’aperitivo…
    Eh sì… poi si vedono quei soggetti, che si rendono protagonisti di scene altamente imbarazzanti, che riescono non si sa come a far entrare in mini-piattini porzioni spropositate di ogni cibo del buffet!

  4. Anno 2001. Milano Porta Volta. Io e altri colleghi uscivamo alle 18 dall’ufficio e ci fiondavamo in un bar a caso…Per l’happy hour…Ho smesso una sera che sono uscita dal bar a caso alle 21 avendo appena mangiato fra le altre un piatto di linguine al pesto….Mica per altro, ma stavo per mettere una branda in ufficio e dormire pure là! Bei tempi però….

  5. Sulla lista di tutte le cose che mi mancano dal’ Italia, penso che il aperitivo sia nelle prime 5. Con tutti gli italiani che ci sono a NY non so come mai nessuno ha aperto un locale con aperitivo.

  6. Pingback: 2010 in review e qualche pensiero | Insonne di giorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...