mccaffè

Oggi lavoravo alle 9.30. Trovo un passaggio e arrivo che sono solo le 8.30 alla stazione. Non sapendo cosa fare di me stessa – cosa devo ammettere a sai rara di questi tempi-  mi guardo intorno conscia di aver dimenticato ormai la difficile arte dell’ammazzare il tempo.

Il Sephora è desolato e le commesse guardano i possibili avventori come a dire “Non ti azzardare a rompere le balle” applicando probabilmente una nuova politica aziendale. Allora faccio un giro per i bar ma la situazione sembra aggiacciante: gli Chef espress e i Ciao non mi piacciono. Sono mediamente scortesi e in più il caffè non è un granchè.

Memore della recente gita al Mc (solo da qualche giorno ho digerito il wrap), decido per l’ultima spiaggia: un caffè americano al Mc, che mi viene servito da una signorina mceducata in una anonima tazzona bianca (strano….hanno dimenticato il simbolo?) al modico costo di 1 euro (la cosa che mi inquieta leggermente è che costi come l’hamburger ma propendo per pensare che quello sia semplicemente a prezzo calmierato). Mi sfragno su una sedia e metto un latte e uno zucchero: non sarà il massimo ma dopo la notizia dei risultati elettorali qualsiasi cosa – anche minima – mi aiuta dandami un pò di sollievo.

Si fanno le 9.05 e prudentemente vado a prendere il bus: salgo nella vettura che parte, fa 20 metri e si ferma. Il conducente scende e inizia la pausa. Di quindici minuti.

La prossima volta mi sa che l’americano lo chiedo doppio….

Annunci

4 risposte a “mccaffè

  1. mi hai fatto pensare a una cosa, cioè al fatto che anche io non sopporto i posti in cui camerieri/barman/cassiere non sono educati, ma mi danno fastidio anche i posti tipo il mac in cui il lavoratore è costretto ad essere gentile, oltre a darmi fastidio mi sento anche in colpa…

  2. questo è quello che si definisce scientificamente “senso di colpa del consumista-capitalista”, che prende tutti coloro che pur vivendo in questo mondo hanno ancora una coscienza-anima….. ce l’ho spesso anch’io: di conseguenza sono supergentile con i ragazzi dei fastfood! Basta non esagerare…si rischia di essere fraintesi con il sesso opposto 😉

  3. Eheheheh, a me piace il caffè di starbuks solo che ogni volta devo prendere un aereo, quindi non essendo ricco, di solito lo prendo in giro, evitando se possibile quello del MC. Però in mancanza d’altro…:)

  4. I cinesi dicono: “Chi non sa sorridere non apra un negozio”, hanno ragione! Ma come si fa a sorridere in posti che sono catene di montaggio in stile Tempi moderni? Pagheremo pure meno, ma ad un prezzo altissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...