Quando la pubblicità non è inutile…ovvero le eccezioni esistono

Qualche giorno fa, stavo giocando su FB a Bubble Popp (ovvero la mia nuova droga: si tirano pallette da una conchiglietta – dentro cui udite udite c’è un paguro – per abbattere un muro di palline che scoppiano quando se ne accostano tre dello stesso colore; scusate la descrizione delirante!). Sulla destra mi vedo comparire i vari annunci inutili che ti spingono:

a) a chiedere amicizia a perfetti sconosciuti

b) a scrivere non si sa che cosa sulla bacheca di un amico/a che non senti da tempo

c) a giocare altri giochi, andare sulla pagina di questo o quel politico, acquistare quella cosa o servizio

Ad un certo punto però, vedo una pubblicità interessante: quella di un sito, City Deal, in cui si possono comprare sconti per cene, cinema, bevande, teatro, etc etc.

Così ieri ho ceduto ad un cocktail in un locale del centro (che non conoscevo)scontato a 2.50 euri da  8.00.

Ora l’obiettivo del sito è semplice: indurti a frequentare alcuni posti, consumare e fare cose che altrimenti non faresti. La tentazione, infatti è comprare colo perchè c’è lo sconto: è lo stesso meccanismo che ti induce a comprare le confezioni quadruple di philadelphia anche se sei intollerante al lattosio.

Oggi ad esempio sono stata a riflettere alcuni minuti se avevo bisogno di un massaggio, che era scontato  da 25 euri  a 9. Ma poi qualcosa mi ha bloccato:  mi sono detta che se un sito/pubblicità direziona così fortemente quello che vuoi o fai, allora è il caso di fermarsi un attimo.

Ci saranno altre offerte ma non si può comprare tutto. O almeno ci si deve provare…

Annunci

3 risposte a “Quando la pubblicità non è inutile…ovvero le eccezioni esistono

  1. aaaaahh!! Hai super ragione!!! Bisogna fermarsi e pensare, fermarsi e pensare, sempre, prima! Le offerte ci sono, le occasioni di risparmio ci sono, ma la domanda sempre è: LO VOGLIO DAVVERO? (vado sul sito che dicevi, dunque, e incrociamo le dita….)!!!

  2. Ci trattano come portafogli da vuotare da per tutto…Non siamo persone ma banconote!

  3. hai fatto bene a resistere: per decidere se si ha bisogno di un massaggio si deve prima vedere la foto del massaggiatore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...