Nick_1.1

Nick aprì gli occhi nel buio e quasi istantaneamente si tirò su, cercando con il piede destro a penzoloni l’infradito lasciato ai piedi del letto.

Si alzò e si diresse verso la cucina, al piano terra.

Avanzava a tentoni nella casa appena ristrutturata, un bel villino giusto fuori città. Scese le scale di legno con pesanti passi cadenzati.

La testa gli scoppiava, forse non avrebbe dovuto bere così tanto la sera prima – pensò – dopotutto non aveva più vent’anni e domani in ufficio sarebbe stato l’inferno.

Il frigo era vuoto, come al solito. Ma c’era ancora un pò di quel succo di pomodoro che Mary, la sua sorellina aveva portato nel weekend.

“E’ ottimo per l’abbronzatura” gli aveva detto.

“E anche per le sbornie” – gli aveva fatto lui da controcanto. Quindi staccò un pezzo di baguette, lo mise in bocca e con un grosso sorso di succo ingollò due aspirine.

Prima di tornare a letto, decise di fare un piccola deviazione in bagno per fare pipì. Si sedette pesantemente e prese una rivista in mano. Dovevano essere le cinque, ancora un’ora e mezzo di sonno.

Alzò poco le serrande – che teneva sempre chiuse perché non aveva ancora rimesso le tende e voleva tenere alla larga quei stupidi vicini ficcanaso che da giorni cercavano di introdursi in casa sua portandogli biscotti e torte fatte in casa.

Fuori era ancora buio pesto. Si doveva essere dunque svegliato nel cuore della notte. Le stelle in cielo non erano mai sembrate così vicine e brillanti – pensò.

Doveva essere l’alcol ad averlo confuso: sapeva sempre stabilire sempre  – sin da quando era bambino – che ora fosse senza bisogno di orologio.

Poco male – pensò. Posso ributtarmi a letto e dormire ancora a lungo. Gli sembrò di essersi appena coricato che la sveglia iniziò a suonare all’impazzata. Erano le 6.30, così diceva la radiosveglia. E fuori era ancora buio.

Annunci

3 risposte a “Nick_1.1

  1. purtroppo sono sensazioni che conosco bene!

  2. Non bisogna mai combattere chi vuole regalare biscotti fatti in casa.

    Saranno loro a salvare l’umanità.

  3. @ barabba mi sono chiesta a quali sensazioni esattamente ti riferisci. Ma forse è meglio non porsi/ti domande.

    @silas mmmhh non hai mai visto in giro questa maglietta:
    http://www.amazon.com/Cookies-Distressed-Style-Shirt-colors/dp/B0013KRZC2
    con scritto: “Come to the dark side. We have cookies”????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...