Archivi categoria: Sguardi insoliti sul quotidiano

Ogni Carnevale torna il dilemma: come mascherarsi?

Negli anni ho dato il meglio e il peggio di me stessa: da piccola mi sono vestita da odalisca, da zarina (che per chi non lo sapesse non è un tipo di formaggio da squagliare ma era la moglie dello zar: semplicemente era un vestito rosso con a pelliccetta bianca), Capuccetto rosso, Uomo Gatto (quando avevo tre anni con una di quelle tutine che fanno diventare i bambini peluche animati. Insomma ero una versione domestica, paffuta e coccolosa dell’Uomo Tigre), clown, pierrot, Charlot e persino Venerdì, la terribile bambina Addams, in coppia con il mio fidanzo che faceva il fratello Pugsley.

Negli ultimi anni ho optato per un vestito da ape ( molto semplice con leggins e maglietta nera, canottierina gialla e ali) oppure da angelo, ovviamente in coppia con quel sant’uomo del mio ragazzo che faceva il Diavolo. Ora queste mise presentavano due vantaggi: erano economiche (per l’angelo avevo un vestitino estivo che riciclavo) e anche sexy.

Quest’anno però mi trovo davanti ad un dilemma: riproporre una maschera già vista o pensare a qualcosa di nuovo?

Ora, siccome i miei amici sono più o meno sempre gli stessi vorrei evitare il solito deja vu. E togliendo la coniglietta di play boy e la suora sexy – due travestimenti che visto il momento di confusione storico-politica potrebbero essere presi per veri – non rimane molto.

Quindi ho pensato a qualcosina ma vorrei proprio il vostro aiuto a decidere:

– Soluzione vintage:  Brenda Walsh di Beverly Hills 90210 (che Kelly era troppo zoccola e rubafidanzati altrui); mi basta un jeans con vita ascellare, una camicia a scacchettoni e la frangetta. Siccome il mio fidanzo non ha i capelli a banana come Dylan potrei mettergli una confezione di Studio line e trasformarlo con l’ausilio di qualche impalcatura in Brandon.

– soluzione bon tons: Lilly Gruber; bastano le labbra finte, la postura sbieca e la parrucca rossa

– la soluzione nazional popolare ma secsy e giovane: Benedetta Parodi; basta vestirsi con una camicia e un maglioncino/vestito castigati e leccarsi con lascivia le dita tenendo una teglia in mano

– la soluzione nazional popolare ma non secsy: Maria De Filippi; vestita un po’ maschile con il parruccone biondo con la frangetta e il vocione roco e la r moscia. Magari potrei pensare per il ragazzo una maschera da tronista con trono….

Se avete idee parate ma non colpitemi sugli organi vitali.

gli immancabili per capodanno

A poche ore dall’inizio del cenone ho deciso di lasciarvi con l’ultima top five di questo 2010 che a dire il vero ha lascito molto a desiderare.

Ecco le 5 cose che non possono mancare a capodanno:

-mutande rosse

-cin cin alla mezzanotte

-scintilline

-lenticchie senza cotechino

-un bacio alla mezza notte.

Un bacio e tanti auguri di buona fine e buon principio a tutti.

Capodanno in bellezza

Quest’anno per il cenone ho deciso fermamente di non comprarmi nulla da vestire: da quando non ho più un’entrata fissa, infatti, davanti alle vetrine dei negozi mi faccio sempre la domanda “ma da davvero mi serve questa cosa? non ne posso fare a meno?”.

Capitemi bene. Non ho mai avuto le mani bucate, sono sempre stata un tipino risparmiatore, ma da quando non ho più uno stipendio temo che mi sia salita l’ansia di sprecare i soldi in cose superflue  e quindi talvolta esagero un pò.

Tutta questa bella riflessione edificante è per dire che dopo attenta riflessione ho pensato che tutti i vestiti paillettati e lustrinati (la variante leopardato/safari non la contemplo)  che si comprano per capodanno immancabilmente vanno a fare compagnia a loro simili nell’armadio per essere poi rimessi se va bene un’altra volta o poco più.

Quindi vorrei fare un appello a tutti coloro che aprendo il proprio armadio vedono poveri bustini in lurex che stanno finendo i loro giorni soffocati nella naftalina antitarmica: per ques’anno tirate fuori tutto quello che avete già e vedete se potete ricombinare un look decente (questa ovviamente NON è la scusa per rimettere i vestiti alla Madonna anni Ottanta o può esserlo se pensate che i fumi dell’alcol faranno dimenticare ai vostri amici qualsiasi cosa).

Io personalmente riesumo una bella gonna nera con nastro e sopra ci metto un golfino semplice. Con sotto gli stivali. Costo: 5 euri di calze.

Un modo per stupire  un pò – per le signore – potrebbe essere invece un trucco  favoloso.

Su Youtube le varie guru già si sono scatenate. A partire dalla mitica Michelle Phan che ci propone occhi con una base di silver glitterato incorniciata da blue e magenta. Rifinisce tutto con glitter fatti aderire con un gel glitterato di Sephora. Cura poi con attenzione il viso, ben ripulito dai glitter, per evitare i vari effetti lucido nelle foto (fondotinta oil free, contouring degli zigomi  e del naso – mi raccomando aggiungo io niente cipria HD che nelle foto fa l’effetto “cocaina”).

Facendo un giro sul tubo, tra i look più carini vi segnalo anche quello di Allthingsfabulous101. Anche se fa un pò diva vecchio stile, basta usare un rossetto meno appariscente per adattarlo alla vostra personalità.

Sopra le righe il look di dope2111, con ciglia finte piumate. Il trucco non è facilissimo ma molto ben fatto con la base nera per appiccicare i glitter (a proposito, nota importante: vedete di fissarli bene perchè se vi finiscono negli occhi possono rigarvi il cristallino; quindi sopratutto per i glitter liberi – più che per i prodotti glitterati – fate attenzione alla grandezza della grana. Quelli di MAC sono sempre e comunque i migliori).

Per passare a qualcosa in italiano, vi ricordo il trucco con foglia d’oro proposto da Cliomakeup l’anno scorso (fate attenzione pure con la foglia d’oro che non credo tagli proprio ma se finisce nell’occhio può dare fastidio)

Il trucco proposto invece da Giuliana (makeupdelight2009) per quest’anno a mio parere è più difficilmente abbinabile con i vestiti (dipende molto da quali colori portate. io che sono per il total black non ho mai problemi).

Semplicissimo e adatto a tutte un trucco oro di Robyberta, che sul suo blog (per chi è in vena di spese) fa una bella carrellata sui possibili look per quest’anno.

Interessante anche la proposta di Robyberta per non sembrare cadaveri per i postumi post-feste.

Per il look capelli invece ho trovato questo semplice video di juicystar07: vi fate una coda alta, vi fate la treccia e arrotolate. Ed ecco fatto uno cignon di classe (nella lunghissima e logorroica introduzione la ragazza dice che va bene per fare la spesa: se andate da Harrod’s forse sì, alla fiera del Tufello non lo so).

Chiudo questo post infinito con un saluto ai maschietti (un pò trascurati in questo post) che però avranno il vantaggio di non doversi sottoporre a tutto  questo e non passare la sera a cercare di recuperare i pezzi di cornicione caduti….e che non conosceranno la splendida sensazione della pelle che brucia quando gonfie per l’abbinamento cibo+alcol vi andrete a struccare davanti ad una tazza di latte.