Archivi tag: michelle phan

2010 in review e qualche pensiero

Stamattina mi alzo e indovinate cosa trovo?? Una bella mail nel mio gmail (dove ho poppato il mio indirizzo del blog: vi prometto un prossimo post su come rimanere superanonimi) dal Sig. WordPress che mi fa i complimenti su come è andato questo primo anno di blogging.

E vi dico sono soddisfatta. Perchè a differenza di tutti quelli che schiavizzano i propri amici costringendoli a recarsi ogni due minuti sul proprio sito/blog, con feed su FB, Twitter e duecento social network sconosciuti, arrivando a utilizzare persino Buzz, onde aumentare il traffico dando nuovo significato al termine “spam”, io ho creato un blog la cui esistenza è conosciuta solo la dal mio fidanzato.

Io ho sempre scritto su quadernini (Moleskine ovviamente) e su pezzi di carta volanti ma non avevo mai pensato di aprire un blog. Ad un certo punto il mio ragazzo mi ha spinto a cimentarmi (e lo ringrazio per questo: senza di lui non ce l’avrei mai fatta) e ho cominciato a scrivere non pensando che mai a nessuno sarebbe potuto importare un fico secco dei cazzi miei (momento Oxford).

E invece ad un certo punto piano piano ho cominciato a ricevere qualche visita – piccoli numeri si intende ma importanti per me visto che non un contatto proveniva da persone che conosco nel mondo reale – e a quel punto ho fatto tre scoperte magnifiche.

1) C’è gente – bella gente (li trovate quasi tutti nel mio blogroll e se ho dimenticato qualcuno mi scuso e rimedierò) – che non ti contatta solo per chiederti favori etc ma perchè quello che scrivi e dici gli piace. Gli piaci tu. E ti senti meno sola, parte di qualcosa forse.

Quindi grazie a tutti coloro che sono piombati, piombano o piomberanno su questo blog e non fuggono; a tutti i bloggers e curiosi amici che “frequentano” questo blog regolarmente; a tutti i bloggers che leggo e che mi hanno fatto divertire, piangere, ridere in quest’anno e che spero mi delizieranno anche nel prossimo.

2) Le cose che sai possono servire a qualcuno. Non sei inutile (lo so – voi direte – nessuno è inutile, ma in questa società talvolta quando specie quando non si trova lavoro ci si sente così).

E devo ringraziare lo staff di Liquida e tanti altri siti per avermi aiutato a documentare persone nel bisogno e alla ricerca di risposte  su temi centrali per la vita  come Michelle Phan, Frangetta emo e così via.

3) La gente nelle ricerche su internet mostra tutta la demenza, la stranezza, l’estrosità, la dolcezza etc di cui l’umanità è capace.

At last but not least, grazie WordPress per l’ospitalità e il sostegno logistico.

Dopo il pillone educativo, ecco qui la mia pagella del 2010:

The stats helper monkeys at WordPress.com mulled over how this blog did in 2010, and here’s a high level summary of its overall blog health:

Healthy blog!

The Blog-Health-o-Meter™ reads Wow.

Crunchy numbers

Featured image

A Boeing 747-400 passenger jet can hold 416 passengers. This blog was viewed about 9,000 times in 2010. That’s about 22 full 747s.

 

In 2010, there were 150 new posts, not bad for the first year! There were 11 pictures uploaded, taking up a total of 10mb. That’s about a picture per month.

The busiest day of the year was February 21st with 151 views. The most popular post that day was l’insostenibile leggerezza dell’account.

Where did they come from?

The top referring sites in 2010 were WordPress Dashboard, liquida.it, magaridomani.wordpress.com, stapelia.wordpress.com, and My Comments.

Some visitors came searching, mostly for insonne di giorno, norstar40, troubledsleeper, malox, and mozzarella in carrozza maxxi.

Attractions in 2010

These are the posts and pages that got the most views in 2010.

1

l’insostenibile leggerezza dell’account February 2010
8 comments

2

Norstar40: il canale è chiuso October 2010
6 comments

3

About January 2010
7 comments

4

Qualche make up guru che seguo….prima puntata: le italiane August 2010
2 comments

5

Quando al fine d’un giorno noioso, la gaiezza risorge nel cuor March 2010
5 comments

Capodanno in bellezza

Quest’anno per il cenone ho deciso fermamente di non comprarmi nulla da vestire: da quando non ho più un’entrata fissa, infatti, davanti alle vetrine dei negozi mi faccio sempre la domanda “ma da davvero mi serve questa cosa? non ne posso fare a meno?”.

Capitemi bene. Non ho mai avuto le mani bucate, sono sempre stata un tipino risparmiatore, ma da quando non ho più uno stipendio temo che mi sia salita l’ansia di sprecare i soldi in cose superflue  e quindi talvolta esagero un pò.

Tutta questa bella riflessione edificante è per dire che dopo attenta riflessione ho pensato che tutti i vestiti paillettati e lustrinati (la variante leopardato/safari non la contemplo)  che si comprano per capodanno immancabilmente vanno a fare compagnia a loro simili nell’armadio per essere poi rimessi se va bene un’altra volta o poco più.

Quindi vorrei fare un appello a tutti coloro che aprendo il proprio armadio vedono poveri bustini in lurex che stanno finendo i loro giorni soffocati nella naftalina antitarmica: per ques’anno tirate fuori tutto quello che avete già e vedete se potete ricombinare un look decente (questa ovviamente NON è la scusa per rimettere i vestiti alla Madonna anni Ottanta o può esserlo se pensate che i fumi dell’alcol faranno dimenticare ai vostri amici qualsiasi cosa).

Io personalmente riesumo una bella gonna nera con nastro e sopra ci metto un golfino semplice. Con sotto gli stivali. Costo: 5 euri di calze.

Un modo per stupire  un pò – per le signore – potrebbe essere invece un trucco  favoloso.

Su Youtube le varie guru già si sono scatenate. A partire dalla mitica Michelle Phan che ci propone occhi con una base di silver glitterato incorniciata da blue e magenta. Rifinisce tutto con glitter fatti aderire con un gel glitterato di Sephora. Cura poi con attenzione il viso, ben ripulito dai glitter, per evitare i vari effetti lucido nelle foto (fondotinta oil free, contouring degli zigomi  e del naso – mi raccomando aggiungo io niente cipria HD che nelle foto fa l’effetto “cocaina”).

Facendo un giro sul tubo, tra i look più carini vi segnalo anche quello di Allthingsfabulous101. Anche se fa un pò diva vecchio stile, basta usare un rossetto meno appariscente per adattarlo alla vostra personalità.

Sopra le righe il look di dope2111, con ciglia finte piumate. Il trucco non è facilissimo ma molto ben fatto con la base nera per appiccicare i glitter (a proposito, nota importante: vedete di fissarli bene perchè se vi finiscono negli occhi possono rigarvi il cristallino; quindi sopratutto per i glitter liberi – più che per i prodotti glitterati – fate attenzione alla grandezza della grana. Quelli di MAC sono sempre e comunque i migliori).

Per passare a qualcosa in italiano, vi ricordo il trucco con foglia d’oro proposto da Cliomakeup l’anno scorso (fate attenzione pure con la foglia d’oro che non credo tagli proprio ma se finisce nell’occhio può dare fastidio)

Il trucco proposto invece da Giuliana (makeupdelight2009) per quest’anno a mio parere è più difficilmente abbinabile con i vestiti (dipende molto da quali colori portate. io che sono per il total black non ho mai problemi).

Semplicissimo e adatto a tutte un trucco oro di Robyberta, che sul suo blog (per chi è in vena di spese) fa una bella carrellata sui possibili look per quest’anno.

Interessante anche la proposta di Robyberta per non sembrare cadaveri per i postumi post-feste.

Per il look capelli invece ho trovato questo semplice video di juicystar07: vi fate una coda alta, vi fate la treccia e arrotolate. Ed ecco fatto uno cignon di classe (nella lunghissima e logorroica introduzione la ragazza dice che va bene per fare la spesa: se andate da Harrod’s forse sì, alla fiera del Tufello non lo so).

Chiudo questo post infinito con un saluto ai maschietti (un pò trascurati in questo post) che però avranno il vantaggio di non doversi sottoporre a tutto  questo e non passare la sera a cercare di recuperare i pezzi di cornicione caduti….e che non conosceranno la splendida sensazione della pelle che brucia quando gonfie per l’abbinamento cibo+alcol vi andrete a struccare davanti ad una tazza di latte.

 

 

Natale truccoso

Come poteva mancare a Natale un nuovo video di Michelle Phan? E quest’anno veramente ha scelto di stupire. Lasciatasi alle spalle il perfetto look da neve dell’anno scorso (Holiday Glam, ricordo con la canzone dei Kaskade), quest’anno si è sbizzarrita con un trucco ispirato ai bastoncini di zucchero natalizi (intitolandolo Candy Cane eyes), con tanto di grafica a tema, degno di Willy Wonka e la fabbrica del cioccolato.

Secondo lei è adatto per scuola e per party di Natale: io inviterei bene le liceali a pensarci bene prima di presentarsi in classe così, in stile folletto natalizio. A me mi avrebbero gavettonato subito e si sa che l’inverno l’acqua ghiaccia: quindi vedete voi. Per il party dipende molto dagli amici: i miei mi sanno pazza quindi “non hay problema”!

A pensarci meglio però potete trasformare questo trucco, sui toni del rosa scuro (lei dice  rosso ma secondo me è più rosa) e del bianco, molto facilmente in un look portabile. Basta che non disegnate il ricciolino – loop – al termine della palpebra e non fate le lineette rosse – red stripes – sull’eye liner bianco (voi direte: ” e allora che trucco a caramella sarebbe?” Avete ragione pure voi. Comunque io ho ancora una reputazione da difendere).

Un momento di invidia furiosa nasce alla vista della super palette home made di eye liner in crema: stupenda! Non so dove uno in effetti possa trovare un così bel rosso ma forse basta cercare.

Per il fard in gel direi Benetint o il fard in gel della Revlon (meno caro).

Riguardo alla musica, la versione  di Have yourself a merry little Christmas di Pink House and Sylvie è abbastanza nella media mentre una nuova scoperta è In the Bleak Midwinter (tradizionale  canzone da coro) cantata da Mindy Gledhill.

Non ci resta che cimentarci e attendere qualche fuoco d’artificio di Michelle per capodanno…..