Archivi tag: tv

The West Wing

Non ve ne avevo parlato ancora, invero, per motivi di tempo. Ma finito di vedere Lost ero rimasta un po’ giù. E allora il mio fidanzato mi ha attaccato la sua ultima malattia: The West Wing. Lo so, ormai è di qualche tempo fa, ma considerato l’attuale stato delle cose – vi assicuro – è una vera e propria boccata d’aria genuina.

Ormai in questo paese tra il girone infernale di escort e le dichiarazioni di ottimismo sul futuro economico del paese (ottenute, sono sicura, prendendo frasi a caso dall’oroscopo di Paolo Fox), tra i pareri di pseudo-giurisprudenza (scritti probabilmente da un pool di sceneggiatori di un qualche serial Tv tipo Allie McBeal o Giudice Amy) e le allegri comari dei salotti televisivi, di politica non si parla più.

Ma nemmeno un pò. Ora avevo evitato di parlare di queste faccende onde non consentire a nessuno di arrivare al mio blog digitando “Ruby Rubacuori” sui motori di ricerca (e mi chiedo ancora come gli sia stato affibbiato questo nomignolo ridicolo), ma dopo alcune puntate di The West Wing non ho resistito.

Va bene sarà fiction. Va bene quelli sono gli States. Però ti lascia un po’ di amaro in bocca. E non per i risultati ma per il dibattito.

Una serie di questo tipo evidentemente mostra un interesse e una disposizione della gente a parlare di temi politici, sociali etc e a capire e conoscere meglio il sistema legislativo e governativo.

Ed è proprio per questo che – ho notato – in tanta Sinistra italiana,   The West Wing suscita quasi invidia e sentimento d’emulazione. Ma diciamocelo è come Veltroni che riprende lo slogan d’Obama.

 

Annunci

Spoilers spoilers delle mie brame…

E’ tempo di riprendere il lavoro, ma è tempo anche dei primi spoiler sulle nuove stagioni delle nostre serie preferite, che avranno inizio in settembre. E il solito Antonio Genna (che per chi ancora non lo sapesse –  perchè stato ultimamente su Saturno – tiene uno dei blog più aggiornati su serie tv, film e tv in genere) ci è venuto come sempre in soccorso.

Escludendo Brothers and Sisters (che nonho  mai nemmeno preso in considerazione), Grey’Anatomy (so che molti di voi me ne vorranno ma trovo la serie noiosissima: capitano disgrazie a raffica e la Grey, sempre con la stessa espressione facciale, porta decisamente sfiga – e questi sono i casi in cui solo la Nonciclopedia mi capisce ) e Bones (vedibile solo muto per godere di quel figo di David Boreanaz) Genna propone parecchie succose anticipazioni.

Ad esempio su Vampire Diaries: avevamo lasciato la trama in un momento cruciale. Elena stava per andare in cucina dove avrebbe trovato la sua antenata sosia vampira Kathrine, che avendo preso il suo posto ha baciato Damon (per intenderci il fratello cattivo) e ucciso suo padre (in modo – è da amettere – assai creativo).

Ora, anche se avrei preferito sapere che Kathrine pappava Elena come spuntino e le si sostituiva, pare che ci attendano intensi quadrangoli amorosi che porteranno anche Stefan aulla cattiva via.

intermezzo: a riprova di quanto il personaggio di Elena sia infinitamente più noioso di Kathrine ha detto Nina Dobrev, che interpreta entrambe, sul bacio a Damon (quoto sempre da Genna)  :
Elena prova sicuramente sentimenti nei confronti di Damon ma i suoi alti valori morali le impedirebbero di fare qualcosa del genere a Stefan. Diciamo che è più che altro amicizia nei confronti di Damon

Per Gossip Girl mi aspettavo invece che Serena e Dan tornassero insieme: sarebbe stato più realistico (i ragazzi carini finiscono sempre tra le braccia della bella riccona) e più divertente.

Per Glee e Dexter i promo fanno veramente venire l’acquolina in bocca.

Ma bisogna attendere. Sigh!

E-state

Mi ero persa. Ma son tornata. Dopo due mesi quasi di lavoro “matto e disperatissimo”,

sono tornata “a riveder le stelle”.

Fuor di metafora, sono in ferie insomma.

Puntualizziamo in ferie ma non in vacanza: cioè pur non andando a lavorare, sono rimasta a casa.

Come credo una buona metà dei romani, che non trovano di meglio che andarsi a mettere in colonna con la macchina al Lungotevere, oppure a rinchiudersi in qualche centro commerciale munito di aria condizionata.

Sarà la crisi economica, ma la città ormai si svuota solo nei weekend.

Quindi non c’è parcheggio, file da tutte le parti, negozi aperti.

E io  intanto ho riscoperto il mio abbonamento in palestra, che non a caso resta aperta tutto il mese.

Mi preparo alla prova bikini in attesa dell’unica settimana in cui andrò al mare da un’amica. Per ora mi sono presa solo qualche giorno a Madrid, che vi racconterò presto in un altro post.

Per ora vado a vedere una puntata di Hung, una nuova serie non male.Che nella traduzione italiana ha il solito sottotitolo orrificante (“Ragazzo squillo”).

Sperando stavolta non mi risucchi.